1) DENOMINAZIONE E DURATA

E’ costituita con durata a tempo indeterminato l'”Associazione Italiana Documentalisti Brevettuali”, abbreviabile “AIDB”.

2) FINALITA’

L’Associazione non ha fini di lucro e non può distribuire, nè direttamente, nè indirettamente, utili, o comunque eccedenze di gestione ai soci.
Scopi dell’associazione sono:

a) la diffusione delle conoscenze relative a metodologie, tecniche e strumenti per la ricerca, documentazione ed analisi brevettuale, nonche’ il contributo al loro studio e perfezionamento;

b) la tutela, promozione e valorizzazione della professione di analista e documentalista brevettuale dei propri aderenti in Italia e all’estero;

c) la promozione ed il coordinamento di iniziative a carattere culturale e di aggiornamento professionale nel settore della ricerca, documentazione ed analisi brevettuale;

d) la promozione di collaborazioni con enti, istituzioni ed associazioni, nazionali ed estere, operanti nel settore della proprieta’ intellettuale ed, in particolare, nel settore della documentazione brevettuale.

e) la promozione di iniziative volte al riconoscimento giuridico e alla tutela della professione di analista e documentalista brevettuale in Italia e nell’Unione Europea.

3) SEDE

L’associazione ha sede all’indirizzo del Segretario pro tempore. La modificazione dell’indirizzo risultante dall’atto costitutivo deve essere portata a conoscenza dei soci e dei terzi che hanno relazioni contrattuali con l’associazione. In caso di iscrizione dell’associazione nel registro delle persone giuridiche o in registri, elenchi o albi tenuti da pubbliche amministrazioni, il mutamento della sede dovrà essere comunicato al registro relativo.

4) PATRIMONIO

Il patrimonio dell’associazione e’ costituito dai contributi dei soci, dalle eventuali eccedenze di gestione e da ogni apporto patrimoniale che possa pervenirle a qualsiasi titolo, anche di liberalità o per causa di morte.
Viene tassativamente esclusa ogni distribuzione, anche indiretta, di qualsiasi eccedenza della gestione, di fondi o riserve, salvo che la distribuzione non sia imposta dalla legge. Il patrimonio dell’associazione e’ costituito dai contributi dei soci, dalle eventuali eccedenze di gestione e da ogni altro contributo che possa essere versato all’associazione.
Viene esclusa tassativamente ogni distribuzione, anche indiretta, delle suddette eccedenze, nonche’ di fondi o riserve, salvo che la distribuzione non sia imposta dalla legge.

5) SOCI

Possono essere ammessi a far parte dell’associazione, in una o nell’altra delle categorie oltre specificate, tutti coloro che per formazione, competenza ed esperienza nel campo dell’analisi dei brevetti e delle opere dell’ingegno in genere possano contribuire a perseguire gli scopi dell’associazione.
L’iscrizione dei soci avviene a domanda scritta dell’interessato.
L’ammissione e’ deliberata insindacabilmente dal Consiglio Direttivo a maggioranza semplice.
I soci si dividono nelle categorie di Soci Ordinari e Soci Osservatori.

a) possono diventare Soci Ordinari tutti coloro che operano nel settore della ricerca, documentazione ed analisi brevettuale, condividano le finalità associative e non partecipino o risultino comunque professionalmente coinvolti, sia quale dipendenti, sia in veste di collaboratori abituali, in società o imprese che annoverino fra i servizi offerti la produzione o la fornitura di strumenti per la ricerca, documentazione ed analisi brevettuale a scopo di lucro;

b) possono diventare Soci Osservatori tutti coloro che, pur in possesso dei requisiti di cui al primo comma del presente articolo, non possano essere ammessi in qualità di soci ordinari a causa della relazione con società in società o imprese che annoverino fra i servizi offerti la produzione o la fornitura di strumenti per la ricerca, documentazione ed analisi brevettuale, a scopo di lucro.

I Soci Osservatori possono partecipare all’Assemblea dei soci, senza diritto di voto, e non possono ricoprire cariche sociali.

6) ORGANI SOCIALI

Organi della associazione sono: l’Assemblea dei Soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Segretario, il Tesoriere.

7) L’ASSEMBLEA

L’Assemblea dei Soci e’ composta dagli iscritti all’associazione in regola con le quote associative.
Essa e’ obbligatoriamente convocata almeno una a volta all’anno dal Presidente.
Ogni socio può avere la delega per iscritto di altri due soci.
L’Assemblea dei Soci decide a maggioranza dei votanti.
L’Assemblea dei Soci delibera il programma dell’associazione, approva i bilanci e quant’altro e’ portato all’ordine del giorno.

Nel caso in cui l’Assemblea sia chiamata a deliberare in materia di:

a) modifiche dello Statuto Associativo

b) fusione con altre associazioni

c) scioglimento dell’associazione

e’ necessario siano presenti non meno dei due terzi dei Soci di persona o per delega e le deliberazioni relative devono essere prese con voto favorevole della maggioranza assoluta dei votanti.
L’Assemblea puo’ essere altresi’ convocata ogni qualvolta ne facciano richiesta i due terzi dei Soci o la maggioranza semplice del Consiglio Direttivo.
E’ data facolta’ al Presidente, sentito il Consiglio Direttivo, di convocare una Assemblea riservata ai soli Soci Ordinari.

8) IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo e’ eletto dall’Assemblea dei Soci una volta ogni tre anni ed è composto da cinque membri.
Il consiglio direttivo nomina al suo interno il Presidente, il Segretario, il Tesoriere e due consiglieri.
Il Presidente è il candidato che ha ottenuto più voti dall’assemblea.
Il consiglio direttivo attua il programma dell’associazione e le deliberazioni dell’Assemblea dei Soci.
Spetta altresi’ al Consiglio Direttivo fissare le quote associative annuali.
Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno quattro volte all’anno su convocazione del Presidente.
Le delibere del Consiglio Direttivo richiedono la presenza della maggioranza dei suoi membri.
In caso di parita’ prevale il voto del Presidente.

9) IL PRESIDENTE

Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’associazione, attua le deliberazioni e puo’ compiere tutti gli atti necessari ed urgenti salva la ratifica del Consiglio Direttivo o della Assemblea.
Il Presidente convoca l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo.

10) IL SEGRETARIO

Il Segretario svolge le mansioni di amministrazione e coordinamento nell’ambito delle direttive a lui impartite dal Presidente e dal Consiglio Direttivo.
Il Segretario redige e distribuisce ogni anno una relazione sull’attivita’ dell’associazione.

11) IL TESORIERE

Il Tesoriere compila il rendiconto di gestione da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.
Il Tesoriere cura l’amministrazione finanziaria dell’associazione.

12) I CONSIGLIERI

I Consiglieri coadiuvano il Presidente, il Segretario ed il Tesoriere nelle loro attivita’. In caso di impedimento del Presidente, uno dei Consiglieri, nominato dagli altri, ne assume temporaneamente le funzioni.

13) REGOLAMENTO

E’ data facolta’ al Consiglio Direttivo di emanare un Regolamento ad integrazione del presente Statuto, salva approvazione da parte dell’Assemblea dei Soci.

14) NORME APPLICABILI

Per quanto non espressamente previsto dal presente atto, si applicheranno per analogia le norme del codice civile e dalle leggi speciali in materia di associazioni.